Come applicare l’adesivo strutturale bicomponente

adesivo strutturale bicomponente 3mL ‘Adesivo strutturale bicomponente è un adesivo dalle qualità adesive ampiamente riconosciute e che permette di incollare anche superfici tra loro molto differenti, in modo assai durevole.

Di questo argomento e della presentazione della famiglia degli adesivi strutturali e delle loro caratteristiche abbiamo ampiamente parlato in questo articolo: ” Cosa sono gli adesivi strutturali e quando sceglierli

Ma il tema di oggi è un po’ più pratico ed è incentrato sul “come applicare l’adesivo strutturale bicomponente”. 

Consigli pratici di applicazione

Qualche consiglio pratico è sempre utile: la corretta miscelazione ed applicazione dell’adesivo e dei suoi due componenti (adesivo + accelerante) risulta fondamentale per far si che l’adesivo possa esprimere al meglio le sue potenzialità e caratteristiche e che, di conseguenza, l’applicazione riesca perfettamente e l’adesione duri nel tempo.

Qui di seguito alcuni consigli ed istruzioni d’uso per un’applicazione perfetta.

  1. Innanzitutto come “montare” la cartuccia e l’ugello alla pistola applicatrice. Questa immagine ci può aiutare a comprendere i passi:applicatore adesivo strutturale bicomponente 3m
  2. Per ottenere i migliori risultati d’incollaggio le superfici interessate non devono essere contaminate da vernici non perfettamente ancorate, ossidi, olii, polveri o altre sostanze estranee, ne consigliamo quindi la totale rimozione. Tuttavia la preparazione dei materiali sarà tanto più accurata quanto più sono alte la tenuta meccanica e la resistenza ad agenti chimici richieste. Per precisi consigli sulla appropriata preparazione superficiale consultare il relativo paragrafo.
  3. Usare dei guanti per evitare il contatto cutaneo con l’adesivo. Per la pulizia delle mani non usare solventi.
  4.  Miscelazione: facciamo un esempio con il 3M DP125
    L’adesivo epossidico Scotch Weld DP105 è fornito in apposita cartuccia ed è parte integrante del sistema Scotch Weld EPX. Per l’impiego è sufficiente inserire la cartuccia nell’applicatore EPX e portare il doppio stantuffo dell’applicatore a contatto dei due pistoni della cartuccia. Rimuovere successivamente il tappo ed estrudere una minima quantità di prodotto per accertare la corretta fuoriuscita dei due componenti.
    Se è richiesta l’automiscelazione dei componenti, innestare l’apposito ugello miscelatore ed iniziare l’applicazione.
    Per piccoli impieghi è sufficiente estrudere l’idoneo quantitativo e miscelare manualmente (la miscelazione manuale dei due componenti dovrebbe continuare ancora per 15 secondi dopo il raggiungimento di un colore omogeneo della massa.
  5. Per avere migliori prestazioni, applicare il prodotto su entrambi i materiali.
  6. L’applicazione del prodotto deve avvenire entro 3 minuti. Quantitativi elevati di prodotto a temperature alte riducono questo tempo massimo di applicazione.
  7. Unire correttamente le parti e lasciare polimerizzare completamente a temperature superiori ai +15 °C. Il riscaldamento fino a 90 °C accelererà il processo che a +23 °C richiede 48 ore.
  8. Tenere immobili le parti durante il processo di polimerizzazione, durante il quale è sufficiente una semplice pressione di contatto. I valori più elevati di resistenza agli sforzi di taglio si hanno con spessori di adesivo compresi tra 0,75 e 0,125 mm.
  9. Eventuali eccessi di adesivo applicato possono essere rimossi con un solvente chetonico.
  10. Coprenza: il prodotto applicato con uno spessore di 0,125 mm può coprire fino a 8 m/l.2
  11. Consigli per il dosaggio; per applicazioni piccole o intermittenti consigliamo l’impiego dell’applicatore Scotch Weld EPX. Nel caso di applicazioni di maggiore volume impiegare attrezzature pneumatiche che permettono maggiori possibilità riguardo quantità e tempi di applicazione.

Vuoi scoprire la famiglia degli adesivi strutturali? Clicca qui

Non ti è chiaro che prodotto scegliere? Nessun problema, ti aiutiamo noi.
Contatta Lo Specialista per una consulenza tecnica gratuita!

—————

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo! E poi iscriviti alla newsletter per ricevere i nostri contenuti selezionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *