Nastri in carta da imballaggio sostenibili certificati FSC, con carta proveniente da foreste gestite in modo sostenibile

Il nastro in carta proveniente da risorse sostenibili è progettato per affrontare la crescente importanza attribuita alla sostenibilità. Dato che sempre più merci vengono consegnate direttamente a domicilio, le soluzioni di imballaggio svolgono un ruolo importante nel comunicare l’impegno di un’azienda nell’utilizzo di risorse naturali e rinnovabili. I nastri in carta da imballaggio, in particolare, sono estremamente visibili e possono contribuire in modo significativo alla prima impressione che si dà di sé.

Soluzioni di imballo realizzate con carta proveniente da fonti sostenibili

Per molti anni, un imballaggio sicuro è stato l’unico requisito per garantire che un prodotto raggiungesse la sua destinazione in modo sicuro. Al giorno d’oggi, l’imballaggio non deve essere solo sicuro, ma anche sostenibile. I nostri nastri in carta da imballo realizzati con carta proveniente da fonti sostenibili sono stati sviluppati per soddisfare queste due esigenze di mercato.

I nostri nastri in carta da imballo ad alte prestazioni forniscono una buona presa iniziale e una forte adesione anche su cartone riciclato. Sono resistenti alla temperatura e all’umidità, strappabili a mano e facili da svolgere e rappresentano una soluzione ecologica poiché il supporto in carta è realizzato con carta proveniente da foreste gestite responsabilmente e da altre fonti controllate.

Nastro in carta sostenibile: ecco la nostra selezione

Nastro in carta tesa 4313

Tesa 4713 ; Il nastro in carta sostenibile 4713 soddisfa la richiesta da parte del mercato di soluzioni sostenibili. Dalla produzione fino al riciclo dopo l’uso, questo nastro fa la differenza. Il supporto di 4713 è prodotto con materiale proveniente da fonti responsabili, il processo di rivestimento avviene senza l’utilizzo di solventi e l’intero nastro adesivo può essere gettato insieme al cartone senza disturbare il processo di riciclaggio (certificato in conformità ai metodi INGEDE 12).

tesa 4313: Il nuovo nastro da imballaggio Premium tesa 4313 con carta proveniente da risorse sostenibili è progettato per affrontare la crescente importanza attribuita alla sostenibilità. Dato che sempre più merci vengono consegnate direttamente a domicilio, le soluzioni di imballaggio svolgono un ruolo importante nel comunicare l’impegno di un’azienda nell’utilizzo di risorse.

Sia tesa 4313 (PV10 e PV12) che tesa 4713 possono essere smaltiti insieme al cartone. La nuova certificazione per la carta rappresenta un’eccellente aggiunta alle proprietà tecniche di questi nastri adesivi in carta. Questi prodotti sono inoltre privi di cloro e utilizzano un adesivo in gomma sintetica privo di solventi. Dopo l’uso, il nastro da imballaggio premium può essere smaltito insieme alla scatola nel bidone della carta senza compromettere il processo di riciclaggio del cartone e contribuendo così allo sviluppo dell’economia circolare.

Tesa 60013: L’applicazione principale di tesa 60013 è la sigillatura sicura delle scatole di cartone. La sua elevata resistenza alla trazione e il rinforzo in fibra di vetro rendono questo prodotto adatto per le applicazioni di imballaggio più impegnative. Dopo l’indurimento, il legame tra il nastro di carta rinforzato e il cartone è così forte che il nastro non può essere rimosso dalla scatola di cartone senza provocare danni visibili al cartone (effetto antimanomissione). In tema di sostenibilità: tesa 60013 non solo non contiene solventi, ma può essere smaltito con la scatola nel bidone della carta, senza compromettere il processo di riciclaggio del cartone.

Sostenibilità: non solo nastri in carta

In questo discorso di sostenibilità non possiamo però dimenticare anche un nastro adesivo in PLA, che è un nuovo supporto di origine completamente vegetale.

tesa 60400 è un nastro da imballo a base biologica, adatto per applicazioni di imballaggio medio-pesante (15 – 30 kg). Il materiale scelto per il supporto di questo nastro è l’acido polilattico, conosciuto anche come PLA. Il PLA è realizzato al 100% con materie prime rinnovabili, come ad esempio: amido di mais, radici di tapioca o canne da zucchero.

Per approfondimenti, vai al sito tesa >>

Prodotti più sostenibili: dalla COP26 alle scelte aziendali

nastro ecologico

Prodotti più sostenibili per affrontare il cambiamento climatico

Si è appena conclusa a Glasgow, Regno Unito, la 26a Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (COP26).
I negoziati sul clima costituiranno il più grande vertice internazionale sul tema e riuniranno oltre 30.000 delegati, tra cui Capi di Stato, esperti climatici e attivisti, per concordare un piano d’azione coordinato per affrontare il cambiamento climatico.
La sfida non è insignificante, anzi direi che è una delle più importanti cui il nostro pianeta intero è chiamato ad affrontare, perciò… Cosa possiamo fare nel nostro piccolo? Continua a leggere

Nastro in carta rinforzato: dall’Ecopack alla carta gommata la novità del mercato dei nastri da imballo

Il nastro in carta Ecopack è un prodotto che sta conoscendo un periodo di forte diffusione grazie alla crescente attenzione verso l’ambiente e le ottime qualità nella chiusura degli imballi.

Oggi più che mai, con l’aumento dei costi delle materie plastiche che hanno fatto lievitare i costi dei nastri adesivi tradizionali, Il nastro in carta pare essere una buona soluzione per abbinare risparmio e qualità.

Continua a leggere

Antiscivolo Loctite: alcuni consigli su come applicarlo. Vantaggi e consigli pratici su come applicare il rivestimento antiscivolo Loctite PC 6315 e Loctite Pc 6261

RIVESTIMENTO ANTISCIVOLO LOCTITE

antiscivolo_LoctiteVi vorremmo presentare un prodotto antiscivolo recentemente lanciato da Henkel, che a pochi mesi dall’immissione sul mercato Italiano sta già dimostrando i suo valore sul campo. Si tratta in realtà di due prodotti, il Loctite PC 6315, la versione bicomponente e il Loctite PC 6261 la versione monocomponente. Continua a leggere

Conai: le novità per il 2020

Anche il 2020 vede scattare dal 1 gennaio, una rimodulazione del contributo ambientale CONAI, Comieco, Corepla e Rilegno per gli imballaggi in carta, plastica e legno.
In generale, oltre ad un aumento delle tariffe dettate dai differenti flussi di materiali da riciclare in arrivo, si nota una ridefinizione/arricchimento, ricollocazione dei diversi materiali nelle fasce di appartenenza e nell’arricchimento delle stesse liste di materiali.
Facciamo una sintesi di cosa cambierà.

Continua a leggere