Stressato? Il pluriball è la soluzione

pluriballDel sodalizio tra arte ed imballaggio abbiamo parlato spesso: è interessante vedere come nelle mani di creativi i materiali possano avere nuova vita.  Tra i numerosi esempi di street arter, ne abbiamo scovato un altro che ha come attore il pluriball. E non finiamo mai di sorprenderci quanto poco ci vuole per dare una veste nuova ed insolita a un prodotto povero e dalle semplici proprietà che con l’arte sembra non avere proprio nulla a che fare.

In questa nuova impresa ci è riuscito lo street artist milanese Fra.Biancoshock, creatore di un movimento artistico che si chiama “Effimerismo”. Prendete un incrocio, un cassonetto, un cartello stradale e aggiungete – o togliete – un dettaglio inaspettato, che ne cambi totalmente l’aspetto e il messaggio et voilà, il gioco è fatto: il suo significato viene completamente stravolto. Fra.Biancoshock, lo fa spesso e le sue opere, giocose e colorate, raccontano molto della città e dei suoi abitanti.

pluriball antistress

Il particolare aggiunto in questo progetto dal nome evocativo “Antistress for free” è il pluriball, o semplicemente “la bolla d’aria che si scoppia”, e sintetizza perfettamente la profonda conoscenza dell’artista del contesto urbano e l’approccio giocoso presente in tutte le sue opere.

pluriball antistressA Milano, su alcune fermate dell’autobus, l’artista ha messo a disposizione dei viaggiatori delle buste di pluriball da imballaggio. A seconda di quanto manca all’arrivo del bus, puoi scatenarti su un piccolo quadrato di carta da imballo (chi non si è mai divertito a scoppiarne i pallini?) in formato da 3, 5 e 10 minuti ed ingannare così l’attesa e… l’autobus arriva prima. Inganni così il tempo e ti rilassi con i poteri antistress del schiacciare le bolle del pluriball.

Non ti è chiaro che prodotto scegliere? Nessun problema, ti aiutiamo noi.
Contatta Lo Specialista per una consulenza tecnica gratuita!

—————

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo! E poi iscriviti alla newsletter per ricevere i nostri contenuti selezionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *